Loading...
Rappresentazione teatrale “E ‘l mondo ancor m’offende” .

Storie di donne offese dalla violenza

“E ‘l mondo ancor m’offende” è il titolo della rappresentazione teatrale che si terrà mercoledì 19 luglio alle ore 21:00 a Zollino, presso l’atrio della Scuola per l’infanzia, in Vico Asilo.

Lo spettacolo, rientra all’interno dell’azione 2 del Programma Antiviolenza “Frida Kahlo” finanziato dalla Regione Puglia per l’Ambito Sociale di Martano e affidato alla gestione di Comunità S. Francesco, con l’obiettivo di consolidare e implementare le azioni già poste in essere nel territorio dell’Ambito dallo Sportello Antiviolenza “Frida Kahlo” – gestito dal Centro Antiviolenza “Il Melograno”- , grazie alla costituzione e all’avvio di partenariati con attori territoriali strategici quali associazioni e istituti scolastici, al fine di costituire una rete antiviolenza sinergica e significativa.

Una rappresentazione teatrale scritta di Giuliano Turone e Igor Grçko, con Alessandra Mandese, rivolta alla comunità tutta.

“Amor condusse noi ad una morte / Caina attende chi a vita ci spense...”

Uno spettacolo di teatro civile sulla violenza “di genere”, che si dipana attraverso il dialogo tra un professore un po’ eccentrico e una volonterosa signora che aspira a diventare docente di "educazione all'uguaglianza di genere" e si apre, non a caso, con i versi di Dante dedicati a Francesca da Rimini. 

La pièce si sofferma inoltre, sulla storia di Franca Viola, che nella Sicilia degli anni Sessanta seppe negare il “matrimonio riparatore” a colui che l’aveva rapita e stuprata, e sulla storia recente di Lucia Annibali, sfregiata nel volto con un acido dall’ex fidanzato: due donne che hanno dimostrato al mondo intero di essere infinitamente più forti e dignitose dei loro aguzzini, processati e condannati a pene esemplari.  

 Previous  All works Next